Di Lettori e Di Scrittori

Oggi ho voglia di esternare un po’ di considerazioni personali.

Sono iscritta a un paio di bellissimi gruppi di lettori su Facebook. Mi piace molto partecipare, perché mi sento, in qualche modo, nel mio ambiente. Adoro leggere, da sempre. Ritrovarmi a parlare con altri animati dalla stessa passione è appagante.

Stamattina ho letto un post che mi ha fatto riflettere parecchio. Un giorno alla settimana è permessa l’auto promozione da parte degli scrittori, sia indipendenti che pubblicati da editori. Già da prima mi ero accorta della freddezza con la quale venivano accolte le loro presentazioni, ma proprio oggi uno di loro l’ha evidenziata e questo mi ha fatto pensare.

Amiamo la lettura, ci scambiamo consigli (spesso sempre sugli stessi titoli e i medesimi nomi) ma poi abbiamo un atteggiamento altezzoso nei confronti dei nuovi autori. Non si dà loro neppure una chance. Semplicemente, si ignorano. Da lettore, mi ci metto anche io.

Però…

Perché mai nessuno tra queste persone – in qualche modo “illuminate” – si domanda cosa voglia dire pubblicare un libro oggi, da sconosciuti? La curiosità dovrebbe essere parte integrante di un lettore, ma verso gli scrittori esordienti o emergenti ce n’è davvero poca. Si percepisce, anzi, un leggero fastidio nei loro confronti.

È già da un po’ che studio book marketing. Non è semplice promuovere il proprio libro; a volte è addirittura umiliante. Tra i nuovi scrittori, in genere, si trovano due categorie di persone: quelli “sfacciati” che, onestamente, sono davvero molesti e s’intrufolano ovunque, sbattendoti in faccia quello che presentano come il miglior libro mai scritto al mondo; la seconda categoria è quella dei timidi, dei modesti, che faticano a presentarsi come scrittori, probabilmente non sentendosi all’altezza di essere chiamati tali. Entrambi gli atteggiamenti fanno sì che difficilmente i loro romanzi vengano letti.

Invece magari questi nuovi titoli potrebbero regalarci tanto.

Mi piacerebbe trovare un modo che permetta ai nuovi autori di auto promuoversi con dignità, senza dover elemosinare recensioni o spazi che vengono concessi spesso con estrema alterigia. Al tempo stesso, riunire lettori davvero curiosi, che si mettano in gioco e abbiano voglia di diventare una sorta di talent scout.

Sull’altro gruppo, sempre stamattina, è stata postata questa immagine:

passaparola

Niente avviene per caso. Ho in mente un’idea di progetto e, non appena le mille attività che sto portando avanti me lo permetteranno, ci lavorerò un po’ su.

Questo blog è aperto solo da un mese, so che – per ovvi motivi – non ha un grosso seguito, ma se su questa pagina capitasse qualcuno interessato all’argomento mi piacerebbe sentire la sua opinione.

Scrivere un libro è meno semplice di quanto si pensi: leggerlo è molto più facile. Riflettiamoci un po’.

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. wwayne ha detto:

    Visto che condividiamo la passione per la lettura, ti consiglio caldamente questo splendido libro: https://wwayne.wordpress.com/2014/08/23/la-nostra-ultima-estate/. L’hai già letto?

    Mi piace

    1. barbarastefanini ha detto:

      Ciao, no, non l’ho letto. Ti ringrazio per la segnalazione e lo terrò presente!
      Ti va di esprimere un tuo parere su quello che ho scritto nel post? Sei uno scrittore? Un lettore? Entrambi? 🙂

      Mi piace

      1. barbarastefanini ha detto:

        Mi piace come hai descritto il tuo blog. Saresti il lettore ideale per il mio progetto! XD

        Mi piace

      2. wwayne ha detto:

        Sono un lettore, che in passato ha lavorato anche come traduttore e correttore di bozze per una casa editrice.
        Riguardo al tuo post, penso che delle 2 categorie di scrittori che hai citato la prima è di gran lunga la più frequente: spesso gli scrittori sono degli egocentrici pieni di sé, e questo si vede non solo dalla spudoratezza con cui promuovono il loro libro, ma anche dalla riluttanza con cui accettano critiche e revisioni dai correttori di bozze. Anzi, in certi casi non c’è riluttanza, ma addirittura aggressività o rifiuto. Per fortuna non sono tutti così: ad esempio, Fabrizio De Sanctis è uno scrittore che al contrario adora confrontarsi con i correttori di bozze per capire come potrebbero migliorare il suo romanzo. E paradossalmente è stato anche uno degli scrittori più talentuosi con cui ho lavorato, forse il migliore autore emergente d’Italia insieme a Michele Mingrone. Grazie a te per la risposta! 🙂

        Mi piace

        1. barbarastefanini ha detto:

          Sono completamente d’accordo con te! Anche io da un po’ lavoro come editor e correttore di bozze, anche se non ho ancora grande esperienza, e ho notato la medesima cosa. Sono iscritta a vari gruppi e forum di scrittori e molti sono davvero insopportabili! A me piacerebbe portare avanti un progetto che aiuti la seconda categoria a promuoversi. In genere, scrittori validi li trovi lì 🙂

          Mi piace

          1. wwayne ha detto:

            Tra tutti i libri che hai editato, qual è il più bello?

            Mi piace

            1. barbarastefanini ha detto:

              Ah, purtroppo ancora non ho avuto la fortuna di editare romanzi. Tristi manuali tecnici…

              Mi piace

              1. barbarastefanini ha detto:

                Comunque, sono onorata di averti come lettore del mio blog. Grazie 🙂

                Mi piace

              2. wwayne ha detto:

                Sono i più difficili da editare, perché soltanto chi ha una conoscenza profonda della materia di cui parla il manuale può accorgersi degli errori che contiene. Perché noi correttori di bozze (o editors, se vogliamo fare i fighi usando l’inglese) dobbiamo badare anche a questo, anzi soprattutto a questo: su un accento saltato e non corretto l’editore può anche sorvolare, su un errore di contenuto no. O almeno il mio editore si comportava così. Ti auguro di venire assunta dalla casa editrice a tempo indeterminato! 🙂

                Mi piace

                1. barbarastefanini ha detto:

                  Non ho più l’età per aspirare all’assunzione presso una casa editrice e probabilmente neppure la competenza necessaria… Lavoro per autori che auto producono i loro scritti.

                  Mi piace

                  1. wwayne ha detto:

                    Ah, quindi sei una free – lance. Cerca su Google Laura Platamone: anche lei è un’editor free – lance, e ha condiviso tante informazioni preziose su come fare bene questo lavoro. Mi ha insegnato davvero tanto. Grazie ancora per la piacevole chiacchierata! 🙂

                    Mi piace

                    1. barbarastefanini ha detto:

                      Grazie del suggerimento e grazie a te 🙂

                      Piace a 1 persona

Invia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...